INFERMIERITALIA

FUTURO - RICERCA - SVILUPPO -


Non sei connesso Connettiti o registrati

Aziende gonfiavano prezzi dei farmaci. Presunta truffa al Ssn per 1 mld di euro

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Admin

avatar
Admin
Admin
Aziende gonfiavano prezzi dei farmaci. Presunta truffa al Ssn per 1 mld di euro

La Procura di Firenze sta indagando su una presunta truffa che vede coinvolte la multinazionale Bristol Myers Squibb Italia e il gruppo Menarini. Le due aziende, secondo quanto riportato da Repubblica.it avrebbero gonfiato i prezzi di vendita dei farmaci commercializzati, ottenendo un indebito rimborso di oltre un miliardo di euro dal Servizio Sanitario Nazionale. Effettuate oggi perquisizioni dalla Guardia di finanza.

28 LUG - Secondo l’ipotesi degli inquirenti è i due gruppi industriali avrebbero messo in atto comportamenti finalizzati ad ottenere, attraverso una serie di artifici e raggiri, l'inserimento nel Prontuario farmaceutico nazionale, di farmaci commercializzati dalle medesime aziende, a prezzi notevolmente gonfiati rispetto al costo effettivamente sostenuto. La Guardia di Finanza, oltre ad aver effettuato le perquisizioni, ha notificato alla Bristol Myers Squibb Italia il decreto di fissazione dell'udienza per l'applicazione di misure cautelari. “L’ipotesi di frode – si legge su Repubblica.it - su cui lavorano gli inquirenti non riguarderebbe la qualità dei farmaci bensì l'illecita sovrafatturazione dei costi sostenuti dalla Bms Italia per l'acquisto dei principi attivi (Pravastatina, Fosinopril, Captopril, Aztreonam) utilizzati per la produzione e la vendita di farmaci impiegati nella cura di malattie cardiache e di battericidi (anch'essi impiegati per il trattamento di particolari patologie cardiache), per i quali e previsto il rimborso da parte del Servizio sanitario nazionale”. La presunta truffa risulta essere collegata all'inchiesta che la procura di Firenze sta conducendo sul gruppo Menarini, nella quale sono indagati i vertici dell'azienda. Per i magistrati, la Menarini, attraverso società 'cartiere' che avevano come compito quello di aumentare il costo dei principi attivi acquistati, era riuscita ad ottenere un prezzo di vendita dei farmaci più elevato rispetto al prezzo reale.
“In questo contesto – secondo quanto riporta Repubblica.it - la Bristol Myers Squibb, fin dal 1984, avrebbe concesso al gruppo Menarini la licenza non esclusiva per il confezionamento e la vendita in Italia di farmaci preparati sulla base proprio di quei principi attivi, con l'indicazione dei prezzi alterati in aumento, a seguito della sovrafatturazione degli stessi principi attraverso complesse operazioni commerciali internazionali tra società dello stesso gruppo Bms”.

Visualizza il profilo http://infermieritalia.forumattivo.it
1 MILIARDO ?????????????????????
Poi noi dobbiamo stringere la cinghia????????
Fuori dall'Italia, perchè sono case farmaceutiche straniere che hanno base in Italia e dettano legge.
La gente si ammala, la gente è povera.
Tutto mi fa riflettere.

Visualizza il profilo
Bhe diciamo quello che si ripete in piccolo anche nelle regioni italiane, tipo la Campania.
Comunque è un problema vecchio quanto Pappagone.
Chissà!

Visualizza il profilo http://www.proterin.net/

Admin

avatar
Admin
Admin
Resto dell'idea e convinto, che il farmaco generico è sempre il migliore.
Prezzo giusto e qualità anche migliore .......La patologa nel suo specifico se deve combatterla lo fa!
Poi un pò dipende dal destino!

Visualizza il profilo http://infermieritalia.forumattivo.it
Sono d'accordo con te,quello che conta e'il principio attivo,personalmente utilizzo i farmaci generici pero'noto molta reticenza da parte dei pazienti, sono convinti che sono meno efficaci,secondo me dovrebbero essere i medici di base a diffondere la"cultura"dell'equivalente.Si fa poca pubblicita',l'informazione a riguardo e'insufficiente.

Visualizza il profilo

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum