INFERMIERITALIA

FUTURO - RICERCA - SVILUPPO -


Non sei connesso Connettiti o registrati

Doping, operazione "Anabolandia" del NAS di Bologna: 6 misure cautelari e 54 indagati

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Admin

avatar
Admin
Admin
Doping, operazione "Anabolandia" del NAS di Bologna: 6 misure cautelari e 54 indagati


Nelle prime ore della mattinata odierna, il NAS Carabinieri di Bologna ha notificato, in Emilia Romagna, Marche e Lombardia, sei provvedimenti cautelari tra cui quattro arresti ai domiciliari, un obbligo di firma ed un sequestro preventivo di un ambulatorio medico.

Tra i destinatari delle misure, medici, dirigenti ed informatori scientifici di una conosciuta industria farmaceutica lombarda, resisi responsabili di associazione per delinquere finalizzata a favorire la prescrizione, l’approvvigionamento e l’assunzione pericolosa di farmaci dopanti da parte di atleti, professionisti e non, appartenenti a varie discipline (calcio, basket, atletica leggera, ciclismo, triathlon, pattinaggio, tennis, ecc.), in assenza di esigenze terapeutiche ed al solo fine di alterare le prestazioni agonistiche.

L’attività di indagine condotta dal NAS Carabinieri di Bologna ha permesso di individuare i componenti dell’organizzazione, facente capo ad un medico sportivo che, con la complicità dei dirigenti e degli informatori scientifici e di un infermiere, prescriveva, anche ad atleti professionisti, farmaci in classe doping, sottoponendo inoltre gli sportivi a pratiche di ossigeno-ozonoterapia al solo fine di migliorarne fraudolentemente le prestazioni agonistiche.

Le prescrizioni, emesse con nominativi falsi o inesistenti per evitare che si scoprissero i veri destinatari, venivano soddisfatte da compiacenti farmacisti a cui i dirigenti dell’industria farmaceutica, consapevoli della reale destinazione, procuravano i medicinali ad un prezzo scontato mediante fornitura diretta. Inoltre, per aumentare la vendita dei farmaci e per agevolare le pratiche dopanti fornivano, anche direttamente a chi li assumeva, uno speciale strumento necessario per la somministrazione.

Al medico, punto di riferimento del sistema, si rivolgevano numerosi atleti di varie regioni italiane che si sottoponevano a pratiche illecite.
L’indagine ha fatto emergere che, a vario livello, diverse erano le motivazioni per cui si ricorreva alle pratiche dopanti. In particolare, in occasione dello svolgimento di un’importante partita dei “playout” del campionato di Serie B di calcio il preparatore atletico di una squadra ha fatto ricorso alle competenze del medico sportivo, per sottoporre più calciatori a trattamenti farmacologici per alterarne le prestazioni.
Numerosi gli atleti che, sottoponendosi agli espedienti del citato medico, hanno ottenuto risultati di rilievo in competizioni anche internazionali; alcuni tra questi sono stati sottoposti a controlli antidoping, risultando positivi e subendo la conseguente squalifica per più anni.
Fenomeno allarmante e che desta seria preoccupazione è il coinvolgimento di alcuni genitori, che si rivolgevano al medico per sottoporre i figli, alcuni dei quali ancora minorenni, alle pratiche dopanti per farli primeggiare nelle varie competizioni sportive.
Nel corso delle operazioni, a carico degli indagati, complessivamente 58, e dell’industria farmaceutica coinvolta, sono state effettuate 65 perquisizioni in 17 province italiane (Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Lazio, Umbria, Puglia), con il ritrovamento ed il sequestro di copiosa documentazione probatoria, di 500 confezioni di farmaci dopanti e di decine di dispositivi medici, tra cui siringhe e speciali strumenti utilizzati per la somministrazione dei medicinali anabolizzanti.

Vedi il profilo dell'utente http://infermieritalia.forumattivo.it
Caspita!
Bologna quest'anno ha completato facendo il pocker!
Prima Porcedda con i suoi assegni falsi per il Bologna Calcio;
Poi la società sull'orlo della serie B con le penalizzazioni;
Poi Beppe Signori che di sigonre gli è rimasto solo il cognome;
Poi la storia di anabolandia.
Perfetto, siamo alla frutta.

Vedi il profilo dell'utente http://www.proterin.net/

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum